Archive / Mugello e Appennino Bolognese

RSS feed for this section
La ciclabile del Mugello

La pista ciclabile del Mugello, le terre di Giotto tra Borgo e Vicchio

Non siamo sulle lunghissime e attrezzate piste ciclabili dell’Alto Adige ma gli ingredienti per una giornata in bici ci sono comunque tutti: una pista ben tenuta, un rilassante paesaggio che ci circonda, un treno per tornare alla base e, questo sì molto toscano, un punto di ristoro a fine percorso che non si dimentica facilmente. […]

Dentro la Grotta del Farneto

Un’avventura speleo alla grotta di gesso del Farneto

Un sentiero nel bosco conduce ad alcuni inghiottitoi e grotte che sprofondano nelle colline fatte di cristalli di gesso. Un posto così sarebbe già di per sé affascinante anche senza sapere che si trova al limite della città metropolitana di Bologna, a meno di un paio di chilometri dalla periferia e a non più di sette […]

generale_futa

Strade romane e linea gotica: gite per tutti al passo della Futa

L’Appennino Mugellano è una barriera molto permeabile: abbastanza alta da dividere due mondi e sufficientemente mansueta da consentire il transito di popoli ma anche di guerre. L’antica strada tra Bologna e Firenze ha riacquisito notorietà negli ultimi anni con il nome di Via degli Dei: è un lungo percorso transitabile sia a piedi che in mountain […]

mugello_princ

Fiamme d’inferno e orchi d’osteria tra Futa e Raticosa in Mugello

Un tempo si raccontava che i viandanti in cammino da Firenze e Bologna, arrivando all’imbrunire nei pressi del Passo della Raticosa, scorgevano tra i campi delle luci vivaci, come di grandi focolari di pastori. Invogliati da quell’inatteso invito al riposo, forse speranzosi di rimediare un po’ di latte e formaggio, abbandonavano la strada e si […]

sul torrente Rovigo

Piscine naturali del Rovigo e la Badia di Moscheta

La val d’Inferno è una gola stretta tra alte pareti di arenaria e ammantata da folti boschi, scavata nei millenni da un piccolo torrente che non si sarebbe detto tanto potente da poter incidere la roccia come un ciclopico aratro. E’ una valle bellissima scavata dal torrente che scende verso Nord per andare a gettarsi […]

Madonna dell'Acero in inverno

Le cascate del Dardagna al Corno alle Scale

C’erano una volta due pastorelli che ogni estate portavano il gregge ai pascoli del Corno alle Scale. I due, poco più che bambini, erano entrambi sordomuti, ma erano tempi duri e nonostante tutto non esisteva riposo nelle loro estati su pascoli alti.  Un giorno i due furono colti da un improvviso temporale che, nonostante fosse piena estate, […]

Dentro la vera tana del lupo

Una tana di lupo vicino al rifugio i Diacci

In una bella mattinata di inizio anno, così anomala senza neve, Francesco, guida escursionistica e uno dei gestori del rifugio i Diacci, in Appennino Mugellano, ci guida in una bella escursione. Si cammina per un paio di ore seguendo un anello a Ovest e Sud del rifugio, scendendo fino alla cascata dell’Abbraccio (alla quale eravamo […]

il "becco" della cascata

Una gita per tutti alle grotte di Labante e al suo presepe

Tra le colline pedemontane bolognesi c’è una cascata insolita che scorre tra pareti conosciute come grotte di Labante. L’acqua non si scava il letto ma piuttosto se lo costruisce strato dopo strato. Da secoli e millenni l’acqua scorre su un alto palco di roccia che sembra un antico acquedotto e si getta da un becco […]

Padri a riposo dietro la cascata dell'Abbraccio

La cascata dell’Abbraccio

Nel Mugello più profondo, che non è più Toscana ma non è ancora Romagna, esiste una piccola valle scavata da un torrente che racchiude come in uno scrigno un tesoro fatto di cascate, piccoli guadi, boschi ombrosi e una cascata che, magia, si può guardare da dietro l’acqua. Il riferimento per accedervi è il passo della […]