Archive / Falterona e Casentino

RSS feed for this section
Il percorso MTB 20 da Campigna alle Cullacce

MTB 20 Campigna – Cullacce: primo approccio con la bici fuori sentiero

La strada che unisce Campigna e le Cullacce è un’opera di altri tempi, scavata nella roccia e sostenuta da ponti in pietra locale, che il muschio copre e mimetizza con la foresta. Oggi è segnato come MTB 20, il più facile dei 21 percorsi in mountain bike segnalati nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Il […]

Dalla Gorga Nera al Lago degli Idoli

I due laghi del Falterona: la Gorga Nera e il Lago degli Idoli

Ai piedi del Falterona un sentiero corre da Nord a Sud unendo due laghi pieni di fascino e mistero, la Gorga Nera e il Lago degli Idoli, in un tripudio di sorgenti e torrenti. Tre anni fa salimmo al Lago degli Idoli in Falterona per i sentieri che salgono dal versante casentinese, accompagnati da una […]

Il bivacco di San Paolo in Alpe

Il bivacco di San Paolo in Alpe e l’alpeggio appenninico

Un gruppo di amici ha deciso di accettare la sfida della gestione di un antico edificio detto la Casa del Guardiano, che era posto a controllo di uno ampio alpeggio a ridosso dell’Appennino Romagnolo, ristrutturato e attrezzato per fare da bivacco. Stretti da un’economia infine consapevole di non poter garantire una crescita continua, sempre più […]

Il lago di Poggio Baldi e il Bidente a Corniolo

Il Sentiero Natura del lago di Corniolo, in Appenino Romagnolo

L’Italia è una terra giovane che scalpita e si muove di continuo come un cucciolo. Terremoti, frane, erosione, alluvioni, eruzioni vulcaniche cambiano il paesaggio e continueranno a farlo finché anche la nostra penisola diventerà parte di una grande terra antica e matura, come le grandi pianure continentali. Il torrente Bidente scorre tranquillo dall’Appennino Romagnolo verso […]

Cercare fossili al Sasso di Simone

Escursione al Sasso di Simone in cerca di fossili

A Sud, un paesaggio lunare di argille multicolori; a Nord, un manto di foreste; e nel mezzo un isolato, gigantesco blocco di roccia, il Sasso di Simone. Questa sorta di fortezza di calcare torreggia sulle stondate colline circostanti dai suoi 1200 metri, guardandosi quasi alla pari con la sua gemella, il Sasso di Simoncino. Provenendo […]

In slittino al Borbotto, lungo la forestale di Castagno d'Andrea

In slittino sulla forestale di Castagno d’Andrea

Otto chilometri su sentieri innevati, per un totale di 300 metri di dislivello, sono un po’ troppi per un bambino di 5 anni. A meno che il genitore non abbia gambe buone. E uno slittino. Il versante fiorentino del Monte Falterona è il meno frequentato e il più selvaggio: sui sentieri che salgono da Castagno […]

le pozze del Corsalone

Le pozze del Corsalone e le storie dipinte di Santa Maria del Sasso

Il torrente Corsalone nasce sul crinale appenninico e scorre per un lungo tratto tra grandi massi scaldati dal sole e impenetrabili canaloni nel cuore delle Foreste Casentinesi, così che quando finalmente la pendenza diminuisce l’acqua è già, se non calda, per lo meno non più gelida come alla sorgente. Qui il torrente forma belle pozze […]

La Buca delle Fate di Badia Prataglia

Da Campo all’Agio alla Buca delle Fate di Badia Prataglia

Una foresta millenaria, che in primavera brilla come uno smeraldo; un grande prato fiorito con un simpatico rifugetto attrezzato per fare la brace dentro e fuori; una misteriosa grotta che fa da casa a tre fate protettrici del bosco. Siamo in Casentino, quasi al confine con la Romagna, terra di lupi e di frati eremiti. […]

Ciclabile del Casentino e Poppi

Poppi e la ciclabile del Casentino

Dopo tanto girovagare lungo i crinali casentinesi, per una volta siamo scesi in fondovalle per una giornata di inizio primavera. Già scendendo dalla Consuma, l’Alto Casentino ci ha salutati con la maestosa torre del castello di Poppi che si osserva da tutta la valle, e dalla cima della quale tutta la valle si distende sotto […]

I colori della foresta della Lama

Raggiungere la Foresta della Lama con lo “Wild Bus”

La Lama è una foresta profonda e lontana, è la tana della Natura. Vi si arriva da sentieri che scendono ripidi dal crinale appenninico, tra Toscana e Romagna, nei pressi dell’Eremo di Camaldoli, a volte per lunghe strade sterrate, altre volte per scoscesi sentieri. E poi, per tornare a casa, bisogna risalire. La Lama è […]

Il Lago degli Idoli al Monte Falterona

Il Lago degli Idoli, con gli Etruschi in Falterona

È una calda estate quella del 1838, anche quassù in cima al Falterona. Una pastorella sta cercando refrigerio nelle acque del Laghetto della Ciliegeta quando gli pare di toccare con il piede un oggetto spigoloso posato sul fondo: si china nell’acqua limacciosa ed estrae una meravigliosa statuetta in bronzo. Convinta di avere rinvenuto una statua […]

Tra Lierna e Moggiona, vicino Camaldoli

A Moggiona, presso Camaldoli, nel paese del lupo

A volte il lupo sembra un essere creato dalla nostra immaginazione, sospeso com’è tra realtà e favola, un po’ animale da studiare e un po’ spirito dei boschi. Se il lupo fosse nato dalla nostra fantasia il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi sarebbe probabilmente la sua dimora, e Moggiona la sua leggendaria capitale. Il paese […]

Fabio pascola nel cortile del castello

Nell’Alto Casentino con gli Amici dell’Asino (e i loro ciuchi)

Fabio trotterella tranquillo lungo la vecchia strada casentinese, di quando in quando è attirato dal verde acceso dell’erba di questo anomalo caldo autunno e ne strappa un ciuffo con le labbra. Fabio è un asinello paziente, cammina per ore senza un cenno di ribellione, ma in fondo questa è la sua seconda vita ed è […]

il Bosco delle Fate

Il bosco delle fate e le mille storie del Santuario della Verna

Per gli Etruschi e i Romani la dea Laverna era l’ambigua e misteriosa protettrice dei ladri. In Casentino gruppi di briganti vivevano di rapine a danno dei viaggiatori che traversavano l’Appennino ma a conclusione delle loro scorribande non dimenticavano mai di offrire una parte del bottino alla antica dea. Allora come oggi queste foreste erano […]

Il ponte presso Raggiolo

Raggiolo e Quota, nel Casentino dei castelli e dei cavalieri

Se avessimo percorso questo sentiero quattordici secoli fa, in pieno Alto Medioevo, avremmo visto cambiare usi e costumi nel giro di appena un’ora di cammino. Da un lato dell’antica strada c’era infatti Coita (oggi Quota), il paese dei Ostrogoti, un popolo barbaro proveniente dalle pianure del Danubio e del Mar Nero; dall’altro lato sorgeva Ragiolo […]

Al lago dell'Aina

Con i pony da Rincine al lago dell’Aina, nelle Foreste Casentinesi

Fare un trekking a cavallo è molto più che scegliere un animale come mezzo di trasporto alternativo: significa vivere un’avventura insieme a un amico fedele e paziente, scoprire un mondo al passo lento e costante di chi non ha fretta. In una limpida giornata di fine Settembre, quando i faggi e gli aceri iniziano ad […]

acquacheta

Le piscine naturali dell’Acquacheta

La Valle dell’Acquacheta è ben nota su entrambi i versanti dell’Appennino, da Firenze alla Costa Romagnola. Da qui in un’ora o poco più si viene a respirare nelle afose giornate estive e quando il caldo si fa davvero torrido un tuffo nelle freddissime acque del torrente diventa un sollievo insperato. Questa valle è bellissima in […]

FIno al crinale con lo slittino

Una gita facile ai Prati della Burraia, sull’Appennino Romagnolo

Attenzione! siamo molto dispiaciuti di apprendere che il rifugio Città d Forlì chiude. Questo non toglie comunque nulla alla bellezza e semplicità di questo percorso; speriamo che il CAI riesca a trovare nuovi gestori per questo bellissimo rifugio. Marco e Cristina hanno riaperto lo storico Rifugio Città di Forlì pochi anni fa. La loro gestione […]

Contemplando la grotta delle fate

A Castagno d’Andrea in Falterona, visita alla Grotta delle fate

Esiste alle pendici Nord-Ovest del monte Falterona un luogo magico dove un giorno, chissà come e chissà da dove, è arrivato un grande cono d’oro che, si è scoperto poi, altro non era che un palazzo di fate del bosco. L’escursione per raggiungerlo è breve e semplicissima in estate, quando vale la pena di salire […]